Terapia integrata di un Caso di Ulcera Perimalleolare con apporto di Citozym

Roma 8 Marzo 2014 Aula Magna Tor Vergata
SEMINARIO SCIENTIFICO
“ INTEGRATORI ALIMENTARI E STATI FISIOPATOLOGICI"

Vincenzo Isabella Valenzi
Direttore Dipartimento di Medicina Integrata IURS/FUB Bellinzona www.unisrita.it
Professore a Contratto Dottorato di Ingegneria Industriale Università di Tor Vergata
Vincenzo.valenzi@unifub.ch Skipe vivalenzi

 

ANCHE I RICCHI PIANGONO.....E I MEDICI SI AMMALANO

• Giusto intorno a un anno fa un grande medico (di 83 anni) comincia a osservare una piccola escoriazione malleolare che progressivamente si complica fino a diventare una mega ulcera che si estende in larghezza e profondita' sino al tendine con edema del piede, dolore intenso e continuo resistenti alle terapie correnti eseguite in vari ambiti medico chirurgici pubblici e privati di altissimo livello.
• A fronte della emergenza medico chirurgica si decide in extremis di provare una integrazione con Citozym e Propulpzym ad alte dosi.
• Come si vedrà nell'excursus si è avuto un chiaro successo terapeutico comunque enigmatico su tutto il fronte e oltre, con sorpresa ulteriore carotidea per cui era stato consigliato un intervento di disostruzione

L'ulcera perimalleolare dx.


Aprile 2013

 Esame ecocolordoppler arterioso arti inferiori aprile 2013
• Segni diffusi e marcati di rigidità parietale. Tutte presenti con diametro e decorso normali per l’età del paziente le arterie di coscia e di gamba con ispessimento intimale diffuso e segni di sclerosi più evidenti a livello periferico. Stenosi multiple degli assi femoropopliteo determinate da placche fibrocalciche lungo il decorso che determinano stenosi di “medio grado” con a destra tibiali presenti con flusso ridotto e di tipo poststenotico; a sinistra buon flusso sulla tibiale posteriore; flusso appena percepibile sulla tibiale anteriore

 Angio Tc addome-pelvi- arti inferiori eseguita in data 17/06/2013 presso il Reparto di Chirurgia Vascolare del Policlinico Umberto I°
Evidenzia tra l'altro:
“Presenza di placca fibrocalcica disomogenea e a margini irregolari, posta a livello di biforcazione e origine della carotide interna determinante stenosi del 70-75% a destra”

 Tampone ulcera piede destro
Sviluppo di Staphylococcus aureus sensibile a
• Nitrofurantoina
• Moxifloxacina
• Mupirocina

 Il paziente viene dimesso dal reparto di Chirurgia Vascolare del Policlinico Umberto I° di Roma in data 22/06/2013 rifiutando la proposta di intervento sulla carotide
Terapia
• Moxifloxacina
• Pletal
• Eucurcum
• Cytozim
• Varie altre misure terapeutiche tentate (campi magnetici pulsati e altri farmaci)


In Day Hospital viene sottoposto a cicli di terapia endovenosa con Iloprost trometamolo, interrotti per gravi crisi ipertensive e tachicardia.

 Sviluppo terapeutico estivo autunnale 2013
ll paziente viene sottoposto a medicazioni locali a giorni alterni, presso l’Ambulatorio Ferite Difficili del Reparto di Chirurgia Plastica del Policlinico Umberto I° e continua la terapia con
Cytozim e Propulzym ad alte dosi

Segni di recupero della lesione a settembre 2013

 
 • Sviluppi invernali della lesione e del quadro generale
Il paziente continua la terapia con Cytozim e Propulzim fino al gennaio 2014, in cui si osserva normalizzazione della glicemia, miglioramento delle condizioni generali (recupero di peso e della mobilità) miglioramento della circolazione arteriosa agli arti inferiori

Guarigione della lesione gennaio 2014



 
 L'ulcera perimalleolare esterna piede destro è guarita e il collega medico ha ripreso peso e forma, con i suoi 83 anni da diabetico, con arteriopatia ostruttiva di arti inferiori e carotide

 Ecocolordoppler degli arti inferiori e vasi del collo in data febbraio 2014
• Con sorpresa generalizzata il referto ecocolor doppler carotideo mostra un netto miglioramento della circolazione agli arti inferiori e la regressione dal 75% al 35% dell'ostruzione:
• Stenosi multiple degli assi femoripopliteo determinate da placche fibrocalciche lungo il decorso che determinano stenosi di “grado lieve” a livello di coscia; a destra le arterie tibiali sono presenti con “flusso discreto”. A destra a carico del bulbo origine della carotide interna, parete posterolaterale, placca fibroateromasica a superficie regolare che determina stenosi del 30% circa.


 Buone domande e cattive risposte emergenti dal caso clinico

• Abbiamo un nuovo mezzo integrativo efficace nella trattamento delle ulcere cutanee diabetiche e vascolari e delle placche aterosclerotiche?

• Se la risposta fosse positiva, come fanno degli zuccheri e dei sali anche speciali, a essere così rilevanti nelle correzioni del metabolismo lipidico e glucidico e nel performance status del paziente???

 

Le Memorie Biochimiche una possibile chiave di lettura del meccanismo del Citozym?

Se i risultati di questo caso di integrazione nutraceutca trovassero conferma (come pare emergere anche dalla comunicazione del collega Zaccagna e da diverse altre esperienze anche a Roma 2) si aprirebbe una nuova frontiera nella NUTRACEUTICA, che appare capace di correggere alcune alterazioni del metabolismo lipidico e glucidico con conseguenze utili nel trattamento di casi anche complessi come quello esaminato in questa caso clinico.

 

Con Citozym si contribuisce a realizzare la raccomandazione europea del 28/4/10?

La Raccomandazione UE del 28 aprile 2010 (http://www.vdanet.it/posta/28289191.pdf) e relativa all’iniziativa di una programmazione congiunta nel settore della ricerca di una alimentazione sana per una vita sana, indica, tra l’altro, come l’eliminazione di fattori di rischio comuni connessi allo stile di vita - ed in particolare all’alimentazione - consentirebbe di evitare l’80% delle cardiopatie, degli ictus, dei casi di diabete di tipo 2 nonché il 40% dei tumori”.

Il Genio italico vince ancora sulle frontiere della scienza dell'alimentazione?
MAY BE.

Ma si dovrà studiare e capire ancora molto di quello che si vede da questa nuova finestra aperta da Pasquale Ferorelli sul funzionamento della biochimica....quantistica. sugli enzimi e sul metabolismo cellulare e generale nel campo della prevenzione e nell'integrazione terapeutica delle patologie
difficili Grazie Pasquale !!
Un grazie a Simona De Vitis per la collaborazione decisiva a questo lavoro

Video del canale Youtube CITOZEATEC

CITOZEATEC è una Azienda nata nel 2006 che utilizza le più avanzate Biotecnologie Industriali a Conversioni Enzimatiche sequenziali per produrre i propri Integratori Alimentari che vengono definiti Biodinamici grazie alla loro capacità di favorire i metabolismi bio-energetici intracellulari (Ciclo di Krebs, Glicolisi, Gluconeogenesi, Ciclo dell'Urea, ecc.) che sono fondamentali per tutti gli altri metabolismi della cellula.