Enzimologia biodinamica - Pianeta Medicina e Salute - Dicembre 2017

Super User 07 Dicembre 2017 18 Visite

Nuovi orizzonti nelle scienze della salute

Il termine “Biodinamica” fu coniato in termini  filosofici da Rudolf Steiner, il padre della cosiddetta “Antroposofia”, concezione del mondo che nei primi anni del ‘900 ebbe importanti riflessi anche nel campo della Medicina e della Scienza in genere. Oggi l’aggettivo “biodinamico” si riferisce invece ai processi naturali che caratterizzano gli organismi viventi e le catene alimentari, processi fondati sull’adattamento alle condizioni esterne in termini di autoregolazione: un “equilibrio naturale” che si basa sulle straordinarie attività dei veri “operai della cellula”, gli enzimi.

Salute e malattia vanno interpretati in questa luce: il corpo umano, come qualsiasi vivente, può guarire resistendo ed opponedosi agli squilibri enzimatici che sostengono le patologie, tutte e nessuna esclusa inquadrabili in termini di “enzimopatie secondarie” a svariate cause, che vanno dalla tossicità di metalli pesanti alla comparsa negli ultimi decenni di migliaia di sostanze chimiche estranee, dalla conversione tumorale alle modi cazioni metaboliche conseguenti ad attacchi virali e microbici, dallo stress ossidativo agli effetti cellulari derivanti dall’ingestione di organismi geneticamente modi cati.

Influenza: prevenzione e terapia con metodi naturali - Pianeta Medicina e Salute - Dicembre 2017

Super User 07 Dicembre 2017 14 Visite

Infezioni aerotrasmesse

L'influenza, che deve il suo nome ad origini astrologiche (“influenza” cioè effetto delle stelle...) è una patologia infettiva acuta aerotrasmessa, tipicamente invernale, causata dall’omonimo virus “a RNA”, appartenente alle Orthomyxoviridae, dalla sintomatologia variabile anche in termini di gravità: i segni e sintomi più comuni sono febbre, faringodinia, rinorrea, tosse, cefalea, dolori muscolari e articolari e malessere generale. L’incubazione dura circa due giorni dal contagio, la contagiosità inizia uno o due giorni prima della comparsa dei sintomi e termina una settimana dopo la loro scomparsa, mentre bambini e immunodepressi possono risultare contagiosi per periodi più lunghi. Il decorso è generalmente di 5-7 giorni, anche se la tosse può persistere per settimane. Meno frequenti nausea e vomito, nell’adulto, tipici invece nei bambini: questi sintomi gastrointestinali sono la norma in infezioni gastroenteriche non dovute al virus dell’influenza, spesso impropriamente de nite “in uenza intestinale”. Le complicanze dell’in uenza più importanti sono la polmonite virale che può a sua volta complicarsi in batterica, infezioni dei seni paranasali, peggioramento di asma e insufficienza cardiaca preesistenti, che mettono a rischio soprattutto la categoria degli anziani e dei cardiopatici.

IL MONDO DENTRO DI NOI: IL PROBIOTA INTESTINALE - Mediadata - Luglio 2017

Super User 29 Luglio 2017 696 Visite

Un tempo si riteneva che l'intestino fosse semplicemente un contenitore in cui fluivano alimenti in fase di digestione e succhi digestivi, deputato solo all’assorbimento di nutrienti: oggi sappiamo che in realtà l’intestino ospita un intero mondo, il Microbiota intestinale, autentico "universo dentro di noi", un ecosistema che comprende moltissime specie microbiche, rappresentando una importante porzione strutturale dell'apparato digerente. Altri microbioti sono quello cutaneo, quello respiratorio e quello genito-urinario, ma il più studiato è certamente il microbiota intestinale, composto da tantissime “comunità” microbiche, ognuna delle quali svolge un compito preciso, all’interno di un equilibrio che prende il nome di “eubiosi”, in relazione col nostro organismo, in contrapposizione alla “disbiosi”, che si realizza in condizioni patologiche: quando ci alimentiamo, in pratica, per primi nutriamo i batteri “probiotici” che in sconfinato numero vivono dentro di noi e, se il pasto era adeguato, questi ce ne saranno grati…

Video del canale Youtube CITOZEATEC

CITOZEATEC è una Azienda nata nel 2006 che utilizza le più avanzate Biotecnologie Industriali a Conversioni Enzimatiche sequenziali per produrre i propri Integratori Alimentari che vengono definiti Biodinamici grazie alla loro capacità di favorire i metabolismi bio-energetici intracellulari (Ciclo di Krebs, Glicolisi, Gluconeogenesi, Ciclo dell'Urea, ecc.) che sono fondamentali per tutti gli altri metabolismi della cellula.