Article Index

 

Protocollo

DOSI CONSIGLIATE AD INTEGRAZIONE DELLA TERAPIA MEDICA PRESCRITTA

SCLEROSI MULTIPLA E COORDINAMENTO ENZIMATICO

PRIMI 6 GIORNI
•    10 ml di Citozym al mattino prima di colazione
•    1 stick di Ergozym Plus a  colazione
•    10 ml tavola di Citozym alla sera prima di coricarsi


 DAL 7 AL 24 GIORNO
•    10 ml di Citozym al mattino prima di colazione
•    1 stick di Ergozym Plus a colazione
•    1 Stick di ProbioticP-450h.11
•    20 ml di Citozym sciolti in un bicchiere d’acqua alla seraprima di coricarsi


DAL 25 AL 150 GIORNO
•    10 ml di Citozym al mattino prima di colazione
•    1 stick di Eergozym Plus a colazione
•    1 Stick di ProbioticP-450h.11
•    70 ml. di Citozym con 1 stick di Propulzym in 1/2 litro d’acqua da consumare a sorsi durante la giornata dalle 8 alle 22  


ENTEROCLISMA
•    10 ml. Citozym con 10 ml di acqua
Tutte le sere a partire dal primo giorno

Applicare la crema Athletic Fresh sulla zona interessata.
Gambe, braccia e spina dorsale.

 

 

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI BIODINAMICI NON SONO FARMACI

 

scarica il protocollo

 

potrebbe interessarti: BIOCHIMICA DELLA SCLEROSI MULTIPLA - RICERCA SCLEROSI MULTIPLA

Nota
I preparati biodinamici, frutto della Ricerca Citozeatec, sono substrati enzimatici pensati ed elaborati secondo il ciclo biologico umano, mirati ad agire su alterazioni  enzimatiche che, notoriamente, portano a numerose malattie, come scoperto da J.B. Sumner fin dagli anni '20 del secolo scorso.  La cellula ha  infatti la necessità di energia fornita da substrati  enzimatici specifici, non da altri che andrebbero a modificare la struttura genetica portata dalla sequenza nucleotidica del DNA, successivamente trasferita sulla sequenza amminoacidica della catena polipeptidica corrispondente.

 


Prodotti utili:


Risultati Clinici

Dove l'uomo si ferma, la natura continua
inesorabile ad elaborare la Vita

 

Caso Clinico #1

Buongiorno, sono Xxxxx Xxxxxxx , il ragazzo affetto da sclerosi multipla e vi contatto per la privacy e il rilascio del mio permesso a trattare i miei dati e quelli dei miei referti, come storico per i vostri studi e ricerche ed eventuali pubblicazioni su riviste scientifiche. Inoltre vi contatterò anche attraverso Facebook. Questo anche per riferire il mio stato attuale mediante la mia assunzione degli enzimi della citozeatec. La malattia mi venne diagnosticata nel marzo del 2010 dall'ospedale di Padova nel reparto neurologico della pediatria. La sclerosi si rivelò tramite forti mal di testa senza febbre che duravano una notte. Dopo una settimana dall'insorgere del male alla testa non riuscivo più a muovere le gambe solo lievemente le braccia. Appena entrato all'ospedale, mi fecero flebo di cortisone , così per tre settimane da cui riuscì a riprendere il movimento e l'uso delle braccia. Dopo di che, tornai a casa e fui trasferito in day hospital sempre a Padova dove mi prescrissero  una terapia che prevedeva una settimana di cortisone 250 ml con flebo e acqua fisiologica. Questo sistema duró due settimane. Poi iniziai con la somministrazione di TYSABRI al posto del cortisone , seguito sempre dall'acqua fisiologica una volta al mese. Questo sistema duró fino a gennaio del 2016, in cui io decisi di interrompere la terapia per evitare di iniziare una nuova terapia appena sviluppata. In quel periodo provai a cambiare ospedale , infatti tramite un dottore di conoscenza ( dott. CALABRESE ) passai a Verona in cui provai un nuovo prodotto nominato GYLENIA che consisteva in pastiglie di principio attivo assieme alla vitamina D somministrata con il farmaco DIBASE . Dopo due mesi di essere stato senza TYSABRI non riuscivo a muovermi o altro perciò fui costretto a tornare a Padova , anche perchè in quel periodo dovevo tornare a scuola per concludere il quinto anno. Tornato all'ospedale di Padova ricominciai per una settimana il cortisone 250 ml poi ripresi il TYSABRI fino a settembre 2016 dopodiché ho iniziato la cura enzimatica secondo il protocollo citozeatec. Di seguito voglio raccontare il mio percorso fino a oggi:

1 mese - nel primo mese ho notato una maggior energia durante la giornata senza rilevare alcun sintomo . Solo alla fine del mese ho notato la presenza di scatti involontari e tremolii localizzati. Ho praticato palestra per conto mio nell'ultimo periodo del mese;

2 mese - nessun problema nel secondo mese a parte una differenza al tatto rilevata sull'arto sinistro. In questo mese ho iniziato a fare dei piccoli tratti di corsa;

3 mese - in questo mese ho notato che la differenza di tatto nel altro sinistro non c'è più ma noto difficoltà nel muovermi. Nell'inizio del mese ho riscontrato problemi di movimento all arto  sinistro, verso la metà del mese il problema si è trasferito all'arto destro causandomi perciò problemi motori. Infatti non riuscivo a muovermi agilmente ,a dovevo aiutarmi " attacandomi " a ciò che mi circondava;

4 mese - le cose sono migliorate. Ho riacquistato il movimento degli arti . Verso la fine del mese ho ricominciato a guidare e ad andare in bicicletta. Noto che l'autonomia è bassa (ovviamente);

5 mese - le cose vanno sempre meglio . L'unica "pecca" è l'autonomia scarsa , infatti in questo periodo mi sono mosso per trovare un lavoro , ma non è facile. L'autonomia è di circa due ore che variano in base a che tipo di attività pratico ( es. ragionamento + camminata .. oppure guida + camminata). Sono arrivato alla conclusione che l'alimentazione ha il suo ruolo in questo problema, permettendomi di aumentare la mia autonomia. Ciò nonostante nel momento in cui io mi sento stanco devo sedermi dieci minuti per recuperare , poi posso proseguire nell'attività.  

Ora noto una difficoltà nel evacuare l'intestino perciò faccio ancora utilizzo dell'enteroclisma. Il peso , duranti cinque mesi, è variato di poco. Solamente nel terzo mese ho notato una perdita di peso ( 59 a 57). Sono contento di aver utilizzato questa cura enzimatica, che consiglio a tutte le persone che hanno un problema simile al mio e auguro anche loro gli stessi ottimi risultati.  

PS. ho sospeso l'assunzione del protocollo citozeatec VENERDÌ 24 MARZO 2017 e da qualche giorno sono ricominciati scatti degli arti INVOLONTARI.  

Con la presente i miei più cordiali saluti.

Xxxxx Xxxxxxx


Caso Clinico #2

Donna di 47 anni; gruppo sanguigno A. Non patologie di rilievo.

Ricoverata due volte ( 01/06/2015 e 18/06/2015) presso l’Ospedale S.Corona di Pietraligure (SV) Struttura Complessa di Neurologia ( Dir. Dr.ssa Tiziana Tassinari) e successivamente visitata presso l’Ospedale-Università Clinica Neurologica (Dir.Prof.Giovanni Luigi Mancardi) S.Martino di Genova.

Dopo aver effettuato risonanza Magnetica per Sospetta sindrome demielinizzante, si è osservata un’estesa alterazione del segnale midollare nel tratto dorsale compreso tra D6 e il passaggio D11 D12; piccoli focolai di alterato segnale si osservano a livello della sostanza bianca sopratentoriale nelle sedi descritte con prevalente distribuzione bi-frontale. L'ipotesi di una malattia demielinizzante con focolaio di recente insorgenza midollare è la più probabile e va valutata alla luce dei dati clinico-anamnestici, bioumorali ed elettrofisiologici; a giudizio clinico si consiglia un completamento d'indagine con MDC per valutare possibili danni di barriera associati. Spondilo-disco-unco-artrosi nel tratto cervicale compreso tra C4-C7 .

L’esame del liquor cerebrospinale rilevava un:

“Danno di barriera con aumento proporzionale del quoziente di IgG e di Albumina” e quello di microbiologia clinica e molecolare era completamente negativo su tutti i parametri esaminati

L’esame virologico non metteva in risalto alcuna infezione virale recente.

Alla dimissione ( 10/07/2015):

“La paziente è stata sottoposta a terapia steroidea e.v. (5 giorni 1 g, 3 giorni 500-mg) con sostanziale stazionarietà del quadro clinico; si è quindi deciso di procedere a plasmaferesi (5 sedute totali) con lieve beneficio sui disturbi sensitivi; per infezione delle vie urinarie (vedasi urinocoltura allegata) con iperpiressia è stata inserita terapia antibiotica con ciprofloxacina e ceftriaxone con beneficio clinico. Riscontro di TSH soppresso; contattata endocrinologa (Dott.sa Di Ciolo), ripetuta in data 9/7 funzionalità tiroidea, contattare il reparto (4609) nei prossimi giorni per risultato”

Diagnosi alla dimissione:

SINDROME DEMIELINIZZANTE. INFEZIONE DELLE VIE URINARIE. IPOTIROIDISMO. INCONTINENZA FECI E ORINE.

La paziente veniva dimessa in carrozzella con catetere vescicale a permanenza; attivata l’assistenza domiciliare integrata ( ADI).

Tale terapia è stata sospesa volontariamente dalla paziente perché non otteneva alcun beneficio che potesse giustificare la serie di effetti collaterali.

Nel mese di Agosto 2015 la paziente inizia il Protocollo Citozeatec per Sclerosi Multipla:

alimentazione in base al gruppo sanguigno (A) con abolizione di tutti gli alimenti contenenti glutine e caseina e fortemente acidogeni

Citozym ( 30 ml x due dì totale 60ml) Ergozym plus due stik die mattino h.8 -h.11

Propulzym 1 stik die

Seacor 1000 2 cps die

Aminocarnitina solgar 2 cpr die

Acqua alcalina

La cistite è stata trattata per circa tre settimane con lavaggi quotidiani vescicali (data la presenza del catetere a permanenza) con 150 ml di soluzione di fisiologica e citozym al 20%; dopo circa un mese ( fine agosto) è stato rimosso il catetere per ripresa spontanea della funzione, cosi come si è avuta la completa ripresa di quella intestinale ( controllo valido degli sfinteri). Iniziato trattamento fisioterapico bisettimanale con metodica neuromuscolare e osteo muscolare dei tratti dorsali, addominali e treno inferiore, trattamento che continua tuttora.

Nel mese di Dicembre 2015 ripresa modesta della muscolatura dorsale con progressione graduale nei mesi successivi fino al totale risveglio di tutta la funzione muscolare ai glutei, cosce, gambe e piedi bilaterali; dal mese di aprile deambula, seppur con fatica, con attrezzo deambulatore e dai primi di maggio comparsa della sensibilità alla pianta dei piedi con sensazione dell’appoggio plantare nonché ricupero totale della sensibilità tattile e dolorifica di tutta parte superiore degli arti ad eccezione delle zone glutee e delle superfici dorso lombari.


Caso Clinico #3 - #4

 

 


Pubblicazioni Scientifiche su Riviste Internazionali:


I Distributori:

DIFARMA - Gruppo Comifar
DM BARONE SpA
FARCOPA SpA - Gruppo Comifar
ARMACENTRO
FARMACISTI PIU’ RINALDI SpA
FARM-ALARICO Gruppo Alliance Healthcare
FARMALVARION SpA Gruppo Admenta
FARVIMA SpA
OMEOSALUS VET Srl
RE ROBERTO SpA
RICCOBONO SpA
SOFAD SpA - Gruppo Farvima
SAFAR Soc. Coop.
SO.FARMA.MORRA SpA
SPEM SpA – Gruppo Comifar
UFM SpA
UNICO SpA
UNIFARMA SpA
VIM SpA
VIPROF Srl

Se la vostra farmacia di riferimento ha difficoltà nel reperire i prodotti può contattare i distributori elencati.

Se volete scrivere un commento o intervenire dovete registrarvi al sito, se siete già registrati dovete effettuare il login..

CLICCA QUI PER REGISTRARTI AL SITO

CLICCA QUI PER EFFETTUARE IL LOGIN

Video del canale Youtube CITOZEATEC

CITOZEATEC è una Azienda nata nel 2006 che utilizza le più avanzate Biotecnologie Industriali a Conversioni Enzimatiche sequenziali per produrre i propri Integratori Alimentari che vengono definiti Biodinamici grazie alla loro capacità di favorire i metabolismi bio-energetici intracellulari (Ciclo di Krebs, Glicolisi, Gluconeogenesi, Ciclo dell'Urea, ecc.) che sono fondamentali per tutti gli altri metabolismi della cellula.